Ultime notizie

Il Ministero con la Nota n.562 del 28 marzo 2020 ha nuovamente prorogato i termini per la predisposizione e approvazione del conto consuntivo 2019-

La nuova tempisticacausa l'emergenza coronavirus, è la seguente:

entro il 15 maggiodell’esercizio finanziario successivo a quello cui si riferisce, il    DSGA predispone il conto consuntivo;

entro la stessa data del 15 maggio, il DS sottopone il conto consuntivo, corredato da relativa relazione illustrativa, all’esame dei revisori dei conti per l’acquisizione del parere di regolarità contabile;

entro il 15 giugno i revisoriesprimono il proprio parere con apposita relazione, da allegarsi al conto consuntivo al momento della trasmissione dello stesso al Consiglio d’istituto per l’approvazione;

entro il 30 giugnodell’esercizio successivo a quello cui si riferisce, il Consiglio d’istituto approva il conto consuntivo.

Editoriale a cura di... Vittorio Venuti -  La scuola c’è!

Paolo Pieri - Sicurezza nelle scuole: il lavoro agile ai tempi del Coronavirus

Filippo Sturaro - Il periodo di formazione e di prova dei Dirigenti Scolastici neoassunti

Le sanzioni disciplinari irrogabili dal Dirigente scolastico

Francesco G. Nuzzaci

Gruppo MateMattei - Liceo Matematico: Una scommessa di futuro

Maria Torelli - Making Learning and Thinking Visible: il pensiero e l’apprendimento diventano visibili

Daniele Scarampi - Verso una “cultura della sicurezza” nella scuola: risultati raggiunti e obiettivi da perseguire

Filippo Cancellieri - Telecamere in aula

Antonietta Di Martino - Inserto sicurezza:Il D.Lgs. 81/08 struttura e contenuti

Gianni Balduzzi - Giuseppe Lombardo Radice

Viviana Rossi - Ausili didattici, ma anche ICF e Vygotskij al Seminario MIUR di gennaio

 

Rubriche

I CASI DELLA SCUOLA A cura di ... Antonio Di Lello

Docente di altra scuola designato RSPP

 

LA SCUOLA IN EUROPAA cura di ... Mario Di Mauro

‘Wellbeing’ come ‘benessere’ a proposito di giovani e di scuola. Cioè...?

 

APPUNTI DI PSICOLOGIA DELLA GESTIONEA cura di ... Vittorio Venuti

Al tempo del Coronavirus, più continuità educativa che didattica a distanza


 

Rivista on line delle istituzioni scolastiche

GLI ARGOMENTI DEL MESE

Stefano Callà - Sintesi delle misure adottate dal Governo per le Istituzioni scolastiche

Angelo Muratore - Il lavoro agile anche per i dipendenti della scuola

Emanuela Piazzalunga - Copertura assicurativa in caso di lavoro agile

Valentino Donà - Polizze assicurative in relazione al rimborso dei Viaggi di Istruzione

Antonio Sapiente - Indicazioni per la didattica a distanza

Salvatore Pecorella - Istruzioni operative per il personale ata

Antonella Pace - Prime indicazioni operative sulla didattica a distanza

Silvia Renzulli - Le prime misure sanitarie ed economiche per affrontare l’emergenza Coronavirus.

DECRETO-LEGGE 17 marzo 2020, n. 18 “CURA ITALIA”

Salvatore Argenta - Congedo speciale e bonus baby sitting

Salvatore Argenta - Proroga delle supplenze brevi dei docenti e rientro del titolare

 

NORMATIVA

Nota MIUR del 6 marzo 2020 - Prime indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019 nelle pubbliche amministrazioni

Nota MIUR prot. n. 279 dell'8 marzo 2020 - Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020. Istruzioni operative

Nota MIUR prot. n. 5196 dell’ 11 marzo 2020 - Indizione dei concorsi per titoli per l’accesso ai ruoli provinciali, relativi ai profili professionali dell’area A e B del personale ATA

Nota MIUR prot. n. 7973 del 13 marzo 2020 - Indicazioni operative per l’accreditamento e le modifiche dei corsi di diploma accademico di primo e secondo livello A.A 2020-2021

Nota MIUR prot. n. 391 del 16 marzo 2020

 

Argomenti:

Angelo Muratore - Il Conto Consuntivo 2019

Maria Rosaria Tosiani  - Le novità del decreto “Cura italia”

C. Febbe e A. Orsingher - Quando il dsga diventa un vero leader?

Angelo Muratore - Il lavoro agile anche per i dipendenti della scuola

C. Febbe e A. Orsingher - Lo smart working nella scuola. Una opportunità tutta da costruire

Luciana Petrucci Ciaschini - La ricostruzione della carriera al personale scolastico (Terza parte)

Antonio Di Lello - Periodo di formazione e di prova (Seconda parte)

Carmelo Di Giacomo - Il contenzioso in ambito scolastico (Quarta parte)

 

Notizie:

Le nuove scadenze per la presentazione del modello 730/2020

Agenzia delle entrate: chiarimenti sulle detrazioni affitto studenti fuori sede

Cura Italia: il bonus dipendenti

Monopattini elettrici

Rubriche:

LA SCUOLA NELLA GIURISPRUDENZA... a cura di Antonio Di Lello

Apertura locali scolastici nelle feste pasquali

 

PENSIAMOCI SU... a cura di Angelo Muratore

La carta e il digitale

 

PAROLE CHIAVE... a cura di Stefano Callà

La volontà del docente di accettare le ore eccedenti non configura un diritto assoluto in capo al soggetto interessato

 

L’ANGOLO DELLA PSICOLOGIA... a cura di Vittorio Venuti

Come affrontare lo stress da Coronavirus

 

GIOCANDO S’IMPARA

RISPOSTA AI QUESITI POSTI DAI LETTORI

NOTE DI GIURISPRUDENZA IN MATERIA SCOLASTICA

Editoriale di Vittorio Venuti

DIRIGERE LA SCUOLA n.4/2020

La scuola c’è!Il Coronavirus ci ha preso in ostaggio e assediato costringendoci a scoprire le nostre fragilità come singoli individui, come sistema sociale, come sistema ecologico e come sistema politico ed economico globalizzato. Intere popolazioni di tutti i continenti rinserrate in casa con la distanza minima di un metro a regolare i rapporti, le transazioni, la vita di relazione. Il nemico invisibile si è impossessato della vita di ciascuno di noi, genera morti e ci costringe a misurarci con la costrizione dell’isolamento e della solitudine affettiva, che continuiamo a voler mitigare enfatizzando ulteriormente il virtuale, l’altro grande invisibile che illude il nostro ancestrale desiderio di onnipotenza e di immortalità.

a cura di Valentino Donà

Domanda:

In relazione alla recente pandemia di COVID-19, ci giungono svariate richieste in merito al comportamento che la scuola deve mantenere circa l’operatività delle Polizze assicurative in relazione al rimborso dei Viaggi di Istruzione da parte degli operatori economici interessati (Agenzie di Viaggio, Tour Operator, Vettori Aerei, Marittimi e Terrestri). Cerchiamo nel limite del possibile di dare alcune indicazioni di massima, fermo restando che queste non potranno avere carattere esauriente in quanto gli aggiornamenti normativi e le Linee Guida si susseguono con un ritmo incalzante in relazione all’evolversi del problema.

a cura di  Emanuela Piazzalunga

Domanda:

In occasione della recente pandemia di COVID-19, giunge alla segreteria dell’Istituto, la richiesta da parte di un’assistente amministrativa di poter effettuare la propria prestazione lavorativa in forma “agile” presso il proprio domicilio ai sensi della direttiva n. 1/2020 della Funzione Pubblica, della Circolare Prot. 4317 del 4.3.2020 dell’USR Lombardia e della Circolare Prot. 278 del 6.3.2020 del Ministero dell’Istruzione.

La polizza assicurativa integrativa stipulata dall’Istituto copre i casi di infortunio del personale amministrativo qualora venga concessa la possibilità del telelavoro indicata dalle direttive di riferimento?

INDICAZIONI OPERATIVE PER IL PERSONALE SCOLASTICO

Per il personale fuori dalle sedi di servizio di tutto il territorio nazionale sono comunque autorizzati gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative.  Recarsi sul posto di lavoro costituisce esigenza di servizio, da comprovarsi anche con una semplice dichiarazione resa in caso di controllo. Tuttavia occorre rispettare le modalità di svolgimento della prestazione lavorativa prescritte dal MIUR nelle note dell’8 marzo 2020 e del 6 marzo 2020.

Al momento in cui si scrive  il Governo è chiamato, quasi quotidianamente, ad  adottare misure tese ad arginare la diffusione del COVID-19 e fronteggiare, o quantomeno tentar di mitigare, le infauste previsioni sulla salute pubblica, sull’occupazione e sull’economia dei prossimi mesi. Nell’ambito di tali misure – che hanno nel D.P.C.M. 8 marzo 2020 la loro matrice  – non sono mancate anche quelle indirizzate alle Pubbliche Amministrazioni nella loro veste di datrici di lavoro.

L'emergenza, ormai planetaria, che stiamo vivendo, al di là della gravità con cui si rappresenta, richiede che, con urgenza, si attivi quel senso di corresponsabilità ecologica, etica e sociale che deve, naturalmente e sempre,tracciare il percorso dell'umanità consapevole e solidale.
Affermiamo spesso che il futuro abita la scuola, siede sui suoi banchi ogni giorno perché il futuro è adesso.

Le vicende di questi giorni insistono proprio su questo richiamo e sollecitano che si rinsaldi il legame tra scuola e allievi.
Messi da parte i rimbrotti, a qualunque titolo, verso un sistema politico che negli ultimi anni ha evidenziato attenzioni poco accorte - quando non anche controproducenti - nei suoi confronti, la scuola ha il dovere, "materno" e "paterno", di pensare ai suoi studenti "tutti": dovere materno in quanto ogni studente è figlio a cui offre con insistenza una prospettiva di vita futura, dovere paterno in quanto offre a ciascuno le regole e i contenuti più opportuni per la comprensione del mondo e della propria incompiutezza.
Non importa con quali mezzi tecnologici potrà soddisfare questa "didattica a distanza" di cui si sostiene l'urgenza , quel che conta è soprattutto l'ESSERCI.
La scuola è per e con gli studenti e li raggiunge con qualunque mezzo abbia a disposizione.

La scuola ha una voce che non può tacere, ha una missione che deve essere perseguita nonostante tutto.

La scuola ci tiene ai propri studenti "tutti", perché tutti sono il suo corpo e rappresentano la sua anima.

I Dirigenti Scolastici, i DSGA, gli insegnanti e il personale ATA non possono che essere in prima linea. Ad essi va riconosciuto che stanno operando al meglio. 

Al momento in cui si scrive  il Governo è chiamato, quasi quotidianamente, ad  adottare misure tese ad arginare la diffusione del COVID-19 e fronteggiare, o quantomeno tentar di mitigare, le infauste previsioni sulla salute pubblica, sull’occupazione e sull’economia dei prossimi mesi. Nell’ambito di tali misure – che hanno nel D.P.C.M. 8 marzo 2020 la loro matrice  – non sono mancate anche quelle indirizzate alle Pubbliche Amministrazioni nella loro veste di datrici di lavoro.

Si tratta in particolare della Direttiva n. 1 del 25 febbraio 2020  e della Circolare n. 1 del 4 marzo 2020, entrambe del Dipartimento della Funzione Pubblica, che hanno fornito prescrizioni operative per l’implementazione del lavoro agile ex l. n. 81 del 2017 anche tra i dipendenti pubblici. Ma poiché si è di fronte ad una realtà in progress, che impone continui adattamenti,  in data 12 marzo 2020 la direttiva n.1/2020 viene integrata e sostituita dalla direttiva n. 2/2020, che contribuisce ad approfondire ulteriormente il comportamento delle Amministrazioni pubbliche nel contenere e gestire l’emergenza epidemiologica. Tutto ciò:

·       contemperando l’interesse alla salute pubblica con quello alla continuità dell’azione amministrativa, da una parte;

·       armonizzando, per altro verso, l’esigenza di ridurre la presenza dei dipendenti negli uffici (evitando il loro spostamento) con la necessità di soddisfare le istanze dell’utenza. In tale contesto, la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa è il lavoro agile.

In realtà, in principio fu la direttiva n. 3/2017 del Presidente del Consiglio dei Ministri (PCM), che reca “indirizzi per l’attuazione dei commi 1 e 2 dell’articolo 14 della Legge 7 agosto 2015, n. 124 e linee guida contenenti regole inerenti all’organizzazione del lavoro finalizzate a promuovere la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei dipendenti”, ad avviare nel settore pubblico quanto già positivamente sperimentato nel settore privato (oltre 250.000 i lavoratori in attuazione del c.d. “smart-working” (lavoro agile), che rappresenta una evoluzione del c.d. “telelavoro”, istituto per la verità non molto conosciuto né praticato nel pubblico impiego. Ed oggi  il lavoro agile, uscito dalla fase di sperimentazione, rappresenta una evoluzione certamente più interessante del telelavoro, confermandosi come una forma ordinaria di prestazione nell’ambito del lavoro subordinato. Inoltre, nelquadro emergenziale causato dalla diffusione del COVID-19, l’implementazione del lavoro agile per i pubblici dipendenti muta la sua ratio (non più strumentale alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, ma a tutela della salute pubblica). In ogni caso, nessun dubbio può esservi circa l’applicazione dell’istituto del lavoro agile al pubblico impiego. Infatti, come è noto, lo stesso art. 18, c. 3 della l. n. 81 del 2017 estende l’applicazione delle disposizioni sul lavoro agile anche ai rapporti di lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche di cui all’art. 1, c. 2 del d.lgs. 165 del 2001, purché  “compatibili” con i compiti assegnati e con l’organizzazione del lavoro.

IL LAVORO AGILE

Nato con il duplice scopo di incrementare la produttività e di agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, il lavoro agile trova disciplina nelle disposizioni degli artt.18-23 della legge 22 maggio 2017, n.81.  In esse appare evidente che non si tratta di un nuovo tipo di contratto di lavoro, ma di nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione nell’ambito del lavoro subordinato, per le quali occorre un accordo tra le parti stipulato in forma scritta e comunicato ai servizi pubblici competenti ( nel quadro emergenziale causato dalla diffusione del COVID-19, questi requisiti formali di attuabilità non sono obbligatori). Ciò che caratterizza la modalità “agile” di esecuzione della prestazione è l’assenza di precisi vincoli di orario e di luogo di lavoro:

 

·       per quanto riguarda l’orario, le parti sono tenute ad osservare i soli limiti di durata massima giornaliera e settimanale previsti dalla legge e dalla contrattazione collettiva;

·       in relazione al luogo di lavoro, la prestazione è svolta “in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno senza una postazione fissa”. Pertanto, il luogo di lavoro è scelto dal lavoratore, che può modificarlo liberamente nel tempo e non deve necessariamente coincidere col suo domicilio.

 

E’ proprio in questo contesto che si colloca, quindi, l’emanazione degli importanti provvedimenti volti a favorire il ricorso allo smart working, tra cui la circolare n. 1/2020, che contiene alcune indicazioni circa gli indirizzi operativi che le pubbliche amministrazioni devono adottare. Nella circolare si prevede il ricorso in via prioritaria al lavoro agile  ed in particolare, quando si opta per questa modalità lavorativa, le misure da adottare consistono principalmente in:

·       utilizzo di strumenti tecnologici;

·       ricorso a strumenti per la partecipazione da remoto a riunioni;

·       attivazione di un sistema di reportistica interna ai fini dell’ottimizzazione della produttività anche in considerazione delle esigenze di misurazione e valutazione della performance.

La legge, in sostanza, prevede che si possa prescindere da uno stretto coordinamento fisico-temporale. Per ogni altro aspetto non regolato dalle disposizioni speciali, il rapporto di lavoro resta assoggettato alla generale disciplina del contratto di lavoro subordinato.

LE SUE DISPOSIZIONI SPECIALI

Fermo restando che, come già detto, le disposizioni sul lavoro agile si applicano, in quanto compatibili, anche nei rapporti di lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, la relativa disciplina detta disposizioni che rivelano ancora un volta nel sistema giuslavoristico il carattere della specialità. In primo piano il tema della sicurezza.

·       L’art. 18, c.2, si preoccupa di stabilire che “Il datore di lavoro è responsabile della sicurezza e del buon funzionamento degli strumenti tecnologici assegnati al lavoratore per lo svolgimento dell'attività lavorativa”.

·       L’art. 22 commi 1 e 2 così recitano: “1. Il datore di lavoro garantisce la salute e la sicurezza del lavoratore che svolge la prestazione in modalità di lavoro agile e a tal fine consegna al lavoratore e al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, con cadenza almeno annuale, un'informativa scritta nella quale sono individuati i rischi generali e i rischi specifici connessi alla particolare modalità di esecuzione del rapporto di lavoro. 2.Il lavoratore è tenuto a cooperare all'attuazione delle misure di prevenzione predisposte dal datore di lavoro per fronteggiare i rischi connessi all'esecuzione della prestazione all'esterno dei locali aziendali”.  

·       Inoltre, si ribadisce il diritto del lavoratore alla tutela contro gli infortuni e le malattie professionali con l’art. 23, commi 2 e 3: “2. Il lavoratore ha diritto alla tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dipendenti da rischi connessi alla prestazione lavorativa resa all'esterno dei locali aziendali.  3.Il lavoratore ha diritto alla tutela contro gli infortuni sul lavoro occorsi durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello prescelto per lo svolgimento della prestazione lavorativa all'esterno dei locali aziendali”.

Di grande rilievo nell’alveo delle tutele risulta, infine, la previsione dell’art. 20 della legge n. 81/2017 sul trattamento economico, sul diritto all’apprendimento e certificazione delle competenze. Di seguito i commi 1 e 2:

“1. Il lavoratore che svolge la prestazione in modalità di lavoro agile ha diritto ad un trattamento economico e normativo non inferiore a quello complessivamente applicato, in attuazione dei contratti collettivi di cui all'articolo 51 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, nei confronti dei lavoratori che svolgono le medesime mansioni esclusivamente all'interno dell'azienda.

2.Al lavoratore impiegato in forme di lavoro agile ai sensi del presente capo può essere riconosciuto, nell'ambito dell'accordo di cui all'articolo 19, il diritto all'apprendimento permanente, in modalità formali, non formali o informali, e alla periodica certificazione delle relative competenze”.

L’accordo individuale

Come sopra ricordato, la norma prevede, in più punti, che si stipuli un accordo tra le parti per la regolamentazione (nel lavoro agile) di alcuni interessanti profili, di cui si dirà in seguito. Per ora è utile premettere che il DPCM 1 marzo 2020 (uno dei primi dell’emergenza Coronavirus) prevede “la possibilità che la modalità di lavoro agile sia applicata, per la durata dello stato di emergenza, dai datori di lavoro a ogni rapporto di lavoro subordinato, anche in assenza degli accordi individuali previsti”. E’evidente che l’esonero dall’obbligo di accordo individuale – di cui alla legge n. 81/2017 – rappresenta una misura necessaria per eliminare qualsiasi possibile difficoltà alla fruizione immediata del lavoro agile. In tale ottica, il pubblico impiego potrebbe veder realizzata la celerità dell’azione mediante un atto unilaterale dell’amministrazione.

Detto ciò, l’accordo conserva tutta l’importanza che si deve alla disciplina di peculiari aspetti della prestazione lavorativa. In particolare, le parti possono prevedere anche “forme di organizzazione per fasi, cicli e obiettivi” (art. 18, c.1); possono dettare regole in relazione alle “modalità di esercizio del potere direttivo e di controllo del datore di lavoro”, tenuto conto che la mancata presenza fisica del lavoratore impedisce di avvalersi delle forme solitamente utilizzate. Ed ancora, possono essere individuate “specifiche ipotesi di infrazioni disciplinari per la particolarità della prestazione all’esterno dei locali aziendali”. Infine, dei tempi di riposo e del cd. diritto alla disconnessione si occupa l’art. 19, comma 1: “ … L'accordo individua altresì i tempi di riposo del lavoratore nonché le misure tecniche e organizzative necessarie per assicurare la disconnessione del lavoratore dalle strumentazioni tecnologiche di lavoro…”. Il che vuol dire che al lavoratore vanno garantiti i tempi di libertà dal vincolo del collegamento.

 

IL RECESSO

Si premette che l’accordo, mediante il quale le parti pongono in essere il lavoro agile, può essere a tempo determinato (con previsione del termine iniziale e finale) o a tempo indeterminato. In entrambi i casi, e per entrambe le parti, è prevista la facoltà di recesso unilaterale. L’art. 19, comma 2, ne dà una lettura piana e lineare come di seguito: “L'accordo di cui al comma 1 può essere a termine o a tempo indeterminato; in tale ultimo caso, il recesso può avvenire con un preavviso non inferiore a trenta giorni. Nel caso di lavoratori disabili ai sensi dell'articolo 1 della legge 12 marzo 1999, n. 68, il termine di preavviso del recesso da parte del datore di lavoro non può essere inferiore a novanta giorni, al fine di consentire un'adeguata riorganizzazione dei percorsi di lavoro rispetto alle esigenze di vita e di cura del lavoratore. In presenza di un giustificato motivo, ciascuno dei contraenti può recedere prima della scadenza del termine nel caso di accordo a tempo determinato, o senza preavviso nel caso di accordo a tempo indeterminato”.

Il giustificato motivo può riguardare, per la parte datoriale, a mo’ di esempio, una modifica organizzativa che renda non più proficua la prosecuzione della modalità di lavoro agile; per esigenze del lavoratore, per esempio, può intervenire l’indisponibilità di un locale adeguato alla prestazione di lavoro all’esterno.

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

Poiché il lavoro agile potrà assurgere a modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa, prescindendo dal particolare momento emergenziale collegato al Coronavirus, è utile che ogni Amministrazione pubblica (così come ogni datore di lavoro privato) si adoperi ad una profonda rivisitazione di modelli culturali in contrasto con le specifiche esigenze dello smart working. Non è possibile, pertanto, eludere:

·       una preliminare analisi del contesto organizzativo;

·       la successiva costituzione di un apposito gruppo di lavoro interno;

·       la definizione precisa degli obiettivi e delle caratteristiche del progetto di lavoro agile rispetto alla singola amministrazione ed alla sua specifica organizzazione interna;

·       la verifica degli spazi, del rispetto dei requisiti antinfortunistici e l’accertamento dell’adeguatezza e del buon funzionamento della dotazione tecnologica strumentale a tale particolare modalità di esecuzione del lavoro;

·       la definizione chiara delle modalità di avvio, del monitoraggio e valutazione della performance del singolo dipendente, ma anche la sensibilizzazione dei singoli dipendenti alle nuove modalità di  svolgimento dei propri compiti;

·       l’accrescimento della cultura manageriale e dell’organizzazione per obiettivi all’interno della P.A., nonché il coinvolgimento delle rappresentanze sindacali. 

 

Angelo Muratore

Copyright © 2010 Euroedizioni Torino
Via G. Amati 116/7 - 10078 Venaria Reale (TO)
Tel. +39 0112264714 Fax. +39 011 2730803 P.I. 07009890018

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo